Fossetta e Nasone
Maggio 23, 2020In Cronache marzianeBy Marzia

Fossetta e Nasone

Du sventurati amanti de ‘n rione.

(Raccontaccio lunare)

Era na luna umidaccia e ‘ppiccicosa. Una de quelle notti che l’estate dispettosa consegna a li romani allo scopo de punilli co’ sudori copiosissimi pe avè ridotto er bionno fiume un pisciatoio, dove nun se po’ più fa er bagno senza prenotasse prima na lapide.

Era nsomma una de ste notti che nun fanno dormì sereni, una de quelle notti in cui pure i sogni se devono cambià er pigiama ogn’ora.

Tra i vicoli de quella che na vorta era na periferia, non un passo umano calpestava er manto grigio e dalle persiane spalancate de li palazzacci, n’orchestraccia stonata de insonni borbottii e de aitanti ventilatori commentava la calura. Tutto sembrava dì che noia, che fatica, che pena. Pure er coro diradato de quarche moto o machinaccia pareva risponne pe le rime.

In quella desolata tiritera, in un angoletto de cemento, nascosta dalla luce der lampione, na piccola fessura scura scura se ne stava a terra, sdraiata a pancia all’aria, carma e serena, ad abbronzasse de luna bianca mentre guardava dritto dritto er monno sopra lei.

Ma la furbetta nun era mica sola. E nun ammirava le stelle, le nuvole o le fronne tabagiste de l’arberi metropolitani, invero era lì che se faceva rinfrescà tutta dallo zampillo fluente e caparbio di un pendulo sifone che fiero le inondava de continuo le viscere segrete.

Er cannello era l’organo prescelto, l’orgojo del vialetto, motivo de vanto del padrone, ovvero er vecchio fontanaccio, detto appunto “Nasone”, mpettito e ritto ar suo dovere de irrorare con piacere e con vigore la buchetta che lo voleva a tutte l’ore, tarmente felice che più che na fessura pareva un sorriso e nfatti la chiamaveno “Fossetta”.

I due amanti se conoscevano da sempre, sapevano de esse come nati assieme, fatti l’una pe l’altro, nun se staccaveno mai, nun smetteveno mai de fissasse, n’ammorati e sicuri del bisogno, dell’unico sogno, der divino ingegno.

Lei era tutta aperta e mai ritrosa, se non quanno l’autunno la stuprava de foje secche e zozzerie che le mpediveno de esse pronta a riceve l’amore suo, e je toccava attenne de digerì la zella lentamente prima de potè avè di novo spazio pe riempisse de lui.

Anche lui dar canto suo era sempre generoso, nun se stancava mai de offrirle tutto ciò che je scorreva drentro, ma certo, pe natura, era tarmente bbono e donatore, o forse se po’ dì un poco mascarzone, che proprio nun riusciva a dì no agli assetati e lei doveva sopportare de esse tradita con bocche, boccucce, palati e labbroni vari, nvadenti e senza scrupoli, che se rubbaveno avidi er succo prelibato del tesoro suo.

Eppure ste fatiche, tutte ste pene erano gnente, i due erano due e lo sapevano da quanno se ricordaveno der sole.

Ma nonostante tutta sta manfrina, nelle ore silenziose dell’aurora, sentivano che qualcosa je mancava, na sfumatura forse, na schiocchezza, ma era quasi quasi na certezza.

Nun lo potevano spiegà, nun lo sapevano parlà e da sempre se tenevano er mistero, pe paura che quarcosa fosse vero.

Ebbene quella notte così afosa, proprio quella dell’estate dispettosa, la sorte diede loro la risposta e all’improvviso je crollò er paradiso. Sì perché, du gattacci de quartiere, na tipa nera snella e sculettina, dar ciglio lungo e l’occhio languido, co na coda da sciantosa, e ‘n tigraccio losco, sgarrupato, co cicatrici che ner gergo felino della strada so medaglie d’onore e de potere, nsomma sti due, che tante e tante vorte aveveno bevuto chi a tracanna dall’organo stesso, chi a sorseggio dalla buchetta quanno intasata sbrodolava a fiotti, vollero proprio quella notte, senza pudore e senza alcuna briglia, metter voracemente su famiglia, attorcinandosi stretti stretti proprio di fronte ai due antichi innamorati che mai avevano visto du mici assatanati.

Fu così, che tra urla da soprano, ronfi baritonali, odori prepotenti, grinfie viscerali, i due scoprirono l’innominato, l’oscuro, er primitivo mistero, ossia che la più bella soluzione, è azzerare la distanza, combaciare le forme, riporre er pugnale nella custodia, perché ce so ferite che so fatte per rivolere indietro er proprio feritore, unico ormai in grado de otturà la crepa der dolore.

I due ebbero un sussulto, un tremore, un gran malore. Ner tempo de pochi istanti se resero conto che erano destinati a stà immensamente vicini ma sempre troppo distanti pe esse risultato, pe esse soluzione, per esse ‘n tutt’uno con ardore, quell’unione sporca e vera, che te fa dì con godimento, con soddisfazione, con vorticoso turbamento: “ahhhh, era ora!”.

Si dice che da allora i due non furon più gli stessi. Er fiero Nasone de borgata, gettava via mesto il suo interiore, non più pe il di lei piacere, ma solo pe lacrime amare. La fessura dar canto suo era distrutta pe dovè vive ogni momento quer tragico destino, che piano piano, se lasciò annà,  si otturò de brutto fino ad allagare er rione tutto. L‘operai dovettero constatare la sua morte, così definitiva e senza uscita, che smontarono er fontanaccio e tapparono la buca, senza nemmanco ‘n funerale, na messa, neppure un lumicino de rispetto.

Oggi quarcuno, nun se sa chi, forse un gran poeta, o forse solo un matto, ha scritto sti versacci sul muretto dirimpetto ar vuoto c’hanno lasciato i due perduti amanti.

Nun c’è peccato peggiore che nun toccà l’amore nel profonno, in quegli abissi che vogliono esser scandagliati. A ricordo de du sventurati, che ogni amante d’ora innanzi possa annà giù giù giù, all’origine del monno, e raccoglie su su su ogni centimetro de vita primordiale, pe conosce l’infinito godimento, er più potente giovamento, il tu per tu, er su e giù.

Privacy Preference Center